Introduzione alla Bibbia

La Bibbia è il libro storico per eccellenza; essa infatti riporta la storia dell’intera umanità nella maniera più completa possibile. La Bibbia non ci riporta solo la parte fisica della storia: la creazione della terra; le origini dell’uomo e del suo processo di insediamento sulla terra; lo sviluppo delle società umane da quelle a carattere patriarcale, tribale fino a quelle più moderne a carattere monarchico; ma quel che è più importante, la Bibbia descrive in maniera precisa e dettagliata, anche la storia morale e spirituale dell’umanità.

Per questo motivo la Bibbia si impone come l’unico libro che racconta l’uomo nella sua interezza.

La Bibbia, però, non si ferma qui; essa va oltre il presente, come ha tante altre volte fatto in passato, e traghetta l’uomo fino alla conoscenza dell’epilogo della storia presente dell’uomo, introducendolo addirittura a sbirciare la gloria dell’era futura; quell’era frutto, dice la Bibbia , di una nuova e meravigliosa creazione.

Insomma la Bibbia è il Libro di storia passata presente e futura dell’uomo.
Tutto questo è stato possibile perché l’autore di tale incredibile libro di storia è il Creatore della storia dell’uomo – DIO ! Chi meglio di Lui poteva informarci sulla verità di tutte le cose che appartengono alla nostra storia?

La Bibbia, però, non ha come scopo ultimo quello di informare semplicemente l’umanità della sua storia; ma quello di spingere il protagonista (per alcuni versi, principale) della storia, l’uomo appunto, a ripristinare la primitiva relazione che esso aveva con il suo Creatore; relazione da tempo immemorabile persa; perdita questa, originante sofferenza e morte.

Il racconto Biblico, infatti, ruota intorno ad alcuni eventi fondamentali che hanno fatto la storia dell’uomo:
– La creazione;
– La ribellione dell’uomo al Creatore;
– Le conseguenze di tale ribellione;
– L’amore di Dio verso le sue creature nell’offrire loro sempre un’occasione per ripristinare la primitiva relazione;
– l’amore di Dio nel riconciliare a se le sue creature; offrendo in sacrificio, perfetto ed eterno, per l’espiazione delle colpe dell’uomo, se stesso nella persona di Gesù Cristo:
– Il giudizio finale di tutte le opere dell’uomo:
– La condanna degli uomini che hanno sempre rifiutato di accettare i rimedi proposti da Dio.

Tali eventi la Bibbia li riporta al solo scopo di far conoscere la verità circa la condizione fisica morale e spirituale nella quale l’uomo vive, e le conseguenze di tale condizione. Tutto questo affinché l’uomo, l’oggetto dell’amore di Dio, “non perisca ma abbia vita eterna”.

Ma non possiamo terminare questa breve introduzione alla Bibbia omettendo di dire il fatto più straordinario, e cioè, che la Bibbia, non solo è il libro di storia per eccellenza; non solo ha per scopo ultimo quello di riconciliare a Dio le sue creature; ma è soprattutto…POTENZA SPIRITUALE!
…la Bibbia, in altre parole, non è un libro passivo ma attivo, in essa vi è la potente presenza spirituale di Dio che interagisce con i cuori di coloro che con sincerità onestà ed umiltà vi si accostano per conoscere la verità, e li guida per mano alla salvezza ed alla vita eterna.

Nel principio era la Parola, la Parola era con Dio, e la Parola era Dio.
 Essa era nel principio con Dio. Ogni cosa è stata fatta per mezzo di lei; e senza di lei neppure una delle cose fatte è stata fatta. In lei era la vita, e la vita era la luce degli uomini. Giovanni cap.1 vers.1-5

…è lo spirito quel che vivifica; la carne non giova a nulla; le parole che vi ho dette sono spirito e vita. Giovanni cap. 6 vers. 63

Perché siete stati rigenerati non da seme corruttibile, ma incorruttibile,
cioè mediante la parola vivente e permanente di Dio. 1^ Pietro cap. 1 vers. 23

 

Sito creato e gestito dal Servizio per la Diffusione dell’Evangelo